.
Annunci online

politica interna
7 febbraio 2011
il ministro Maroni
Poliziotto e contropoliziotto. Mordo la gamba del pubblico ufficiale di cui dopo sarò il capo. Un milione di fucili sopra il Po; io sono un ministro con un deciso profilo istituzionale.
Ti chiedi se i barbari hanno conquistato Roma o viceversa, in questa ambiguità c'è tutto il fascino della mia persona. Dopo niente. Un trompe-l'œil praticamente.



permalink | inviato da notturnoumano il 7/2/2011 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
7 febbraio 2011
il ministro Prestigiacomo
Lo schema è sempre quello: vecchi satiri rincorrono giovani ninfe tra i banchi parlamentari, alberi di una foresta metaforica.
Puoi dire che sono giovane e bella ma sono un modello già del 1994, quindi mi sono fatto alcuni giri per le trasmissioni televisive (una donna è obbligatoria alle pari opportunità) e così sono diventata un volto noto.
Piango? Quelli hanno paura che lo schema sia rivelato e il loro maschilismo esposto.
Il mio obiettivo sostanziale è riuscire a superare la menopausa da parlamentare.



permalink | inviato da notturnoumano il 7/2/2011 alle 1:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
6 febbraio 2011
il ministro Calderoli
Sul prato verde di Pontida io spero che il federalismo non si faccia mai.
[Perché ora è una città scintillante al di là di quel prato]
Ho paura che la nostra gente, una volta assorbito il sogno, se ne dimentichi e vada avanti come prima nell'inevitabile infelicità della vita.
Ah, dolore! Andando avanti di questo passo si accorgeranno che il mio stare in politica è come stringere la mano a un poveretto. La nostra gente, che io sinceramente amo, crede in un futuro dolce e non si accorge che quel prato verde è il passato.
Perché Aragorn, Boromir, Gimli, Legolas, Gandalf, Frodo Baggins, Samvise Gamgee, Meriadoc Brandybuck e Peregrino Tuc sono tutti morti. Tra l'altro i quattro hobbit erano uguali.



permalink | inviato da notturnoumano il 6/2/2011 alle 23:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
6 febbraio 2011
il ministro Galan
Forse sono Zaia che crede di essere Galan o Galan che crede di essere Zaia che crede di essere me stesso.
Siccome la Lega Nord in Veneto è fortissima perdo il mio posto da governatore, per non fare perdere la faccia a me e al mio partito sostituisco il mio rivale al ministero dell'agricoltura.
Ma qual'è realmente la differenza tra me e lui? Sono arrivato alla conclusione che la fedeltà a un diverso leader/a un diverso partito sia nel nostro caso accidentale. L'ultima volta che ho incontrato "Zaia" c'era tra noi un fortissimo imbarazzo perché io sapevo quello che lui pensava e viceversa, anticipavo le sue parole e lui le mie, tra gli stessi gesti, espressioni, impressioni.
Così soffrivo fisicamente.
In un contesto sociale le strutture narrative sono limitate e se arriva un sosia e ti frega il ruolo, può essere anche cretinissimo il ruolo, ti senti a disagio e non capisci dove sei. Guardi te stesso che ti prende in giro.



permalink | inviato da notturnoumano il 6/2/2011 alle 3:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
4 febbraio 2011
il ministro Matteoli
Il ministro delle infrastrutture è un uomo noioso, quando è in televisione sonnecchia, o così pare.
Leggo che quando era Ministro dell'Ambiente ha dichiarato:
"I bracconieri sono simpaticissimi... Sono stato l'altro giorno in Corsica con degli amici in barca. Mi sono divertito da morire. Abbiamo buttato i paranchi la sera e la mattina alle cinque li abbiamo tirati su. Oh! Cinquanta saraghi... credo abusivamente. Credo."
"Corriere della Sera", 20 agosto 1994.
Cerco su Google informazioni. Perché ora è Ministro delle Infrastrutture? Ha ucciso dei pedoni guidando contromano ridendo come un folle.



permalink | inviato da notturnoumano il 4/2/2011 alle 0:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
3 febbraio 2011
il ministro Meloni
La gioventù che guarda con nostalgia se stessa propone un paradosso perché è proprio della nostalgia guardare le cose oltrepassate e vecchie.
Io ho superato l'età critica quest'anno e non sono più la regina dei giovani del centrodestra. Vi dico questo a futuro monito.



permalink | inviato da notturnoumano il 3/2/2011 alle 20:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
1 febbraio 2011
il ministro Sacconi
Voi non avete mai conosciuto il ministro Sacconi perché non sono mai comparso in televisone. Quell'uomo che talvolta compare sulle poltrone di Ballarò o in qualche intervista, sempre a disagio tra l'altro, non sono io ma un altro: è stato estratto tra il pubblico molti anni fa durante un comizio e l'ho praticamente costretto a sostituirmi.
Così vive una vita che non gli appartiene. Lo terrorizzo. Lo tratto assai male.
Questo perché a me piace sentirmi importante, dietro le quinte, dando ordine a quel poveretto?
No, imparo le sofferenze del padrone che soffre per quelle del proletario - perché l'impostazione del blog è marxista? - vedendo quello che potrebbe succedere a me. Un Sacconi ipotetico.



permalink | inviato da notturnoumano il 1/2/2011 alle 19:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
1 febbraio 2011
il ministro Gelmini
Io credo nell'eccellenza, senza mai essere stata eccellente.
E' il merito eccellente dell'eccellenza, il permettere di eccellere a dispetto della propria non eccellenza, semplicemente aspirando all'eccellenza.
Vero, notturnoumano?
Tornando a noi.
Stavo enunciando un paradosso scolastico, filosofia medievale, autoritarismo strisciante:
ossia il primato dell'essere (già) sul pensiero.
Questa dovrei tagliarla, non riesco a tagliarla: "Sua Eccellenza vuole la precedenza".



permalink | inviato da notturnoumano il 1/2/2011 alle 19:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
1 febbraio 2011
il ministro Vito
Io sono l'unico che compare nel Questions & Answers. Sostituisco ora questo, ora quell'altro ministro, riprendendo in parlamento quello che si presume volessero dire le loro eccellenze.
Ma loro stessi sostituiscono Qualcuno.
E pluribus unum - lo dico perché voglio usare una frase in latino. Sono personaggi imperfetti nel caleidoscopio, nel sogno.
Io che li riassumo tutti di nuovo, pure se non mi si caga nessuno, sono il più nobile di tutti.
Non credere!



permalink | inviato da notturnoumano il 1/2/2011 alle 12:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
30 gennaio 2011
il ministro Tremonti
Insostituibile?
Coglione.
Direi lo stesso anche se non facessi parte di una società segreta che vuole sostituire in effetti gli uomini con degli automi.



permalink | inviato da notturnoumano il 30/1/2011 alle 13:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
27 gennaio 2011
il ministro Bossi
L'incapacità di creare nuova vita chiama in causa meccanismi reazionari. Divinità ancestrali che proteggono tutto il nostro passato da quello che è diverso da noi.
I caratteri ereditari si scambiano quindi tra individui "geneticamente" identici e la nostra forma assume nel tempo il carattere osceno di una caricatura. Avete presente, per esempio, Carlo II, l'ultimo sovrano asburgico del Regno di Spagna?            



permalink | inviato da notturnoumano il 27/1/2011 alle 17:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
25 gennaio 2011
il ministro Rotondi
Cosa resterà di me? Cos'è l'elaborazione del lutto?
Nel giro di pochi anni tutto volge al ridicolo e le cose perdute sono ridotte al loro schematismo. Come quando arriva il meteorite e uccide i dinosauri. Fossili. Io personalmente non credo che riusciranno a clonare il mammuth, anche se lo spero tanto.
Si, solo uno schematismo (sarà ridicolo soffrirne).
Non che la cosa abbia importanza. Io sono qui ora, alle mie spalle c'è la Democrazia Cristiana, o le sue tradizioni, e il suo 30% di voti.



permalink | inviato da notturnoumano il 25/1/2011 alle 22:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
25 gennaio 2011
il ministro Fazio
Non mi volevano fare ministro perché l'ottimismo proclamato disconosceva la malattia. Ho trovato tutte le infermiere impegnate in giochi erotici.
Quando sono arrivato nella sala ho capito che il problema era l'incapacità di distinguere tra pubblico e privato alla fine dell'Impero Romano.
Parliamo, noi ministri, uno alla volta e infine l'ultimo di noi (Tremonti) spegnerà la luce della sala operatoria.



permalink | inviato da notturnoumano il 25/1/2011 alle 15:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
24 gennaio 2011
il ministro Romani
Io sono preoccupato per lui, poverino. Dice di voler ritornare al 1994, ma le nostre reti televisive ancora non hanno perfezionato il dispositivo per ritornare indietro nel tempo. Sottoporsi adesso a un simile esperimento è rischioso: potrebbe morire.
L'uomo è purtroppo incontinente e ha bisogno di comunicare. Vuole sempre quello che non può avere e quindi è costretto a violare la legge (fa cose orribili è sgradevoli).
Pazzi! Voi non capite quanto lo uccide il conflitto d'interessi tra lui e il mondo divino. E non può neanche chiedere scusa.



permalink | inviato da notturnoumano il 24/1/2011 alle 0:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
19 gennaio 2011
il ministro Brambilla
Ho creato un fan club per Silvio Berlusconi per farlo sentire meno solo oppure per creare negli altri l'illusione che fosse amato.
In quelle feste con un numero infinito di bagascie vuole essere visto ma infine non c'è nessuno.
Emilio Fede e Lele Mora si spartiscono alle sue spalle i soldi Pinocchio Gatto e Volpe Paese Balocchi.
Io sono la promoter di un supermercato: vuoi sentirmi mentre simulo l'orgasmo?



permalink | inviato da notturnoumano il 19/1/2011 alle 14:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
12 gennaio 2011
il ministro Brunetta
Ritorno nei miei sogni ai tempi in cui ero al villaggio dei Puffi.
Non si capiva bene quale fosse la mia funzione e gli altri non sembravano rispettarmi particolarmente. Ottusi nella loro funzionalità, banali (non eccellenti) servitori dello stato.
Puffetta era bellissima ma concettualmente malvagia. Perché Gargamella l'aveva costruita per distruggere la nostra unità.
Io queste cose non posso sopportarle! Nel mio animo sono sempre stato un socialista!
Quando Grande Puffo ha riparato Puffetta, in cuor mio sono sempre rimasto dubbioso, perché ora lei mi sembrava artificiale e il mio amore finzione.
Così ho lasciato il villaggio. Inseguivo una percezione più reale.

Ho desiderato diventare (e sono diventato) una persona umana.
Il mio desiderio di compensazione è stato tradotto come per metafora nella mia scarsa statura (certe battute al riguardo sono solamente razzismo, l'autore di questo blog persino concorda).
E' indegno di un socialista sognare la vendetta? Ero Quattrocchi.



permalink | inviato da notturnoumano il 12/1/2011 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
politica interna
12 gennaio 2011
il ministro La Russa
Volo sopra Kabul, sopra D'annunzio.
Sopra gli anni settanta in cui ero in piazza.
Fiume capitolava perché italiana?

Non sull'aereo adesso, son nel palazzo.
Eleonora Duse è morta da un pezzo.
Perché capitolava Fiume io non capisco.

Rosso paonazzo vedo me stesso,
ero un ragazzo con una mazza.
Non mi importava di Istria e Dalmazia.



permalink | inviato da notturnoumano il 12/1/2011 alle 2:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
11 gennaio 2011
il ministro Carfagna
Se odi le donne nella loro quotidianità quando alzi gli occhi non vedi un cielo di stelle ma un blocco nero indistinto.
Noi ti perseguitiamo perché nemmeno tu sei una persona.
Sono cresciuta e diventata una modella con il solo scopo di ingannarti e diventare un giorno il ministro delle pari opportunità. Era l'unica strada percorribile.
Ora io desidero ucciderti nel sonno.



permalink | inviato da notturnoumano il 11/1/2011 alle 14:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
30 dicembre 2010
il ministro Frattini
Nel salotto osservo i quadri e i tappeti, lo splendore dei lampadari e dei soffitti. I marmi! Gli stucchi! I cristalli!
Mi chiedo a questo punto se posso entrare e confondermi in questo splendore. Esserci. Senza Stonare. Tiro il fiato? Si, avanzo di un passo.
Mi immergo tra quei mobili e il mio cuore segretamente si riempie di gioia sognando di essere uno di essi.



permalink | inviato da notturnoumano il 30/12/2010 alle 23:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
29 dicembre 2010
il ministro Fitto
Forse tu credi che io sia un bamboccio? Perché io devo la mia esistenza politica a mia madre che ha deciso che io prendessi un giorno le veci di mio padre sul palcoscenico elettorale della Puglia?
Tutti i miei voti, tu lo sai, appartenevano a mio padre e quando è morto infinite processioni presso la bara di uomini politici democristiani che volevano spartirsi il suo corpo elettorale.
Il cervello, le membra, il potere e i voti.
Mia madre mi prende per mano e mi porta vicino alla bara:
"Il potere si mantiene in virtù delle abitudini e dei luoghi comuni. Se tu ora indossi i baffi finti di tuo padre
(qui mi porge i baffi)
tutti ti voteranno perché altro non sanno fare"
Forse tu credi che io non abbia fatto praticamente nulla? Forse tu credi che io sia un bamboccio? Io sono il ministro per gli Affari Regionali.



permalink | inviato da notturnoumano il 29/12/2010 alle 2:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
26 dicembre 2010
il ministro Bondi
Io sono una persona buona. Peché la mia natura fisica ha certamente un senso. Sentite la mia voce? Apparteneva a un prete. I miei occhi? Un cerbiatto. Io adoro le cose luminose e belle e tutto ciò che appare. Io amo Silvio Berlusconi.
Quando ho trovato una compagna nello stupefaciente Popolo delle Libertà Lei mi ha detto di essere più assertivo.
Ma l'agitazione nervosa che ora traspare nel mio atteggiamento - c'è chi dice che io l'abbia sempre avuta questa rabbia, che io sia rabbioso, insincero, una persona irrisolta e repressa, meschina, mostruosa, violentissima - mi sembra infine piuttosto irreale.



permalink | inviato da notturnoumano il 26/12/2010 alle 4:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
politica interna
24 dicembre 2010
Il ministro Alfano
Il ruolo esistenziale di una marionetta è fare tutto quello che io suo creatore non può fare in prima persona. Correre come un matto e prendere le botte (teatro dei pupi), suicidarsi addirittura (Jacopo Ortis), essere ovunque (Medvdev).

Si tratta in definitiva di approssimazioni del vero Io, servofunzioni, che hanno il compito celato di ingannare l'universo.

Tutte le persone che siamo nella nostra vita
come bucce di cipolla
prima l'una e poi l'altra si spoglia
diventa impossibile a un certo punto credere in sé stessi quando ormai ci si identifica come una marionetta o una maschera. Di se stessi.
E alienato non credo a nulla di quanto sto facendo. In odio a quanto faccio diventerò un ossimoro? Quanto è difficile fare passare in Italia una riforma della Giustizia.



permalink | inviato da notturnoumano il 24/12/2010 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte